Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Voto all'estero

 

Voto all'estero

I cittadini italiani residenti all’estero e regolarmente iscritti all’AIRE possono esercitare il diritto di voto all’estero nel luogo di residenza per le elezioni politiche nazionali, per i referendum abrogativi e costituzionali ex artt. 75 e 138 della Costituzione e per le elezioni del Parlamento europeo.
La Legge 6 maggio 2015, n. 52, (c.d. “Italicum”) ha stabilito che anche i cittadini temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi per motivi di lavoro, studio o cure mediche possono chiedere al proprio Comune di votare all’estero per corrispondenza. 

E' importante mantenere sempre aggiornate le informazioni di contatto all'Ufficio consolare (indirizzo di residenza, numero di telefono, e-mail ecc.) affinche' possiate ricevere correttamente la cartolina o il plico elettorale in caso di votazioni.

 

Per le informazioni su servizi elettorali consulta la pagina dedicata all'argomento sul sito del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.


22