Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

EMERGENZA CORONAVIRUS COVID19 - INFORMAZIONI PER I CONNAZIONALI

 

EMERGENZA CORONAVIRUS COVID19 - INFORMAZIONI PER I CONNAZIONALI

Ultimo aggiornamento: 21/09/2021

 

DISPOSIZIONI ADOTTATE NEGLI EMIRATI ARABI UNITI PER IL CONTRASTO AL COVID-19 

L’attuale normativa in vigore (cfr. Ordinanza Min. Salute del 29.07.2021 estesa fino al 25/10/21 con Ordinanza Min. Salute del 28/.08.2021) ha inserito gli Emirati Arabi Uniti nell’elenco D e sono quindi consentiti gli spostamenti anche per turismo.
Tutti i passeggeri in arrivo nell'Emirato di Abu Dhabi, in aggiunta al test PCR effettuato nel Paese di provenienza entro le 48 ore dall'imbarco, verranno sottoposti ad un ulteriore test PCR all'aeroporto di Abu Dhabi.
I passeggeri provenienti da Paesi in lista verde sono esonerati dalla quarantena, indipendentemente se vaccinati o meno. In caso di permanenza prolungata nell’Emirato di Abu Dhabi, tale test va ripetuto il 6º giorno (se vaccinati) o il 6º e il 9º giorno (se non vaccinati).
I passeggeri provenienti da Paesi non in lista verde sono esentati dalla quarantena con ripetizione del test al 4^ e 8^ giorno (se vaccinati), mentre sono sottoposti a 10 giorni di quarantena monitorata da braccialetto elettronico e ripetizione del test al 9^ giorno di permanenza (se non vaccinati)
I bambini al di sotto dei 12 anni sono esentati dal protocollo di test PCR sopra descritto e dall'applicazione del braccialetto elettronico.
Si consiglia
 di consultare il seguente link prima della partenza per verificare l’inclusione o meno del paese di provenienza nella lista verde.

Ai viaggiatori internazionali con valido visto di residenza di Abu Dhabi è richiesto di registrare il proprio ingresso negli EAU sul portale ICA per assicurarsi che i propri dati siano aggiornati e sia consentito quindi l'imbarco.
I turisti vaccinati al di fuori degli EAU in arrivo nel Paese devono registrare il loro arrivo al medesimo portale ICA affinché il proprio status di "vaccinato" possa essere riconosciuto negli Emirati Arabi Uniti. Le Autorità locali consigliano di effettuare tali registrazioni almeno 5 giorni prima dell' ingresso negli EAU per consentire la lavorazione della richiesta.

Per l’arrivo a Dubai, è richiesto il tampone PCR al momento della partenza dal Paese estero effettuato non oltre le 72 ore prima dell'imbarco e, a fronte di un risultato negativo, non è prevista quarantena all’arrivo.
Ulteriori informazioni sul sito del Consolato Generale d’Italia a Dubai.

EXPO DUBAI 2020 –REGOLE D’INGRESSO E MISURE ANTI COVID-19

 

Certificazione verde – Emirato Abu Dhabi (Al Hosn App)

A partire dal 20 agosto 2021, l'ingresso alla maggior parte dei luoghi pubblici di Abu Dhabi (https://twitter.com/admediaoffice/status/1425125794087571462 ) per cittadini, residenti e turisti è limitato ai vaccinati, agli esentati dalla vaccinazione, tramite la certificazione verde sull’applicazione “Al Hosn”. I turisti possono ottenere la certificazione verde sull’applicazione Al Hosn seguendo la seguente procedura https://www.mediaoffice.abudhabi/en/health/abu-dhabi-emergency-crisis-and-disasters-committee-announces-process-for-verifying-international-vaccination-certificates-for-visitors-to-abu-dhabi-emirate/ 

 

 

DISPOSIZIONI PER IL RIENTRO IN ITALIA DAGLI EMIRATI ARABI UNITI

Gli Emirati Arabi Uniti rientrano nel gruppo D.
Come previsto dall’Ordinanza del Ministro della Salute del 29/07/2021 a partire dal 31 luglio 2021 chi faccia ingresso in Italia dalla lista dei Paesi D (tra cui gli Emirati Arabi Uniti) con voli NON Covid-tested dovra’ sottoporsi a test molecolare o antigenico da effettuarsi per mezzo di tampone nelle 72 ore precedenti all’ingresso e conseguentemente osservare un periodo di quarantena domiciliare di 5 giorni, sottoponendosi poi a test da effettuarsi per mezzo di tampone al termine di tale periodo.
Non si applica la quarantena per i possessori di certificazione verde COVID-19 rilasciata, al termine del prescritto ciclo, a seguito di avvenuta vaccinazione anti-SARS-CoV-2, ovvero di una certificazione rilasciata dalle autorita' sanitarie competenti a seguito di una vaccinazione validata dall'Agenzia europea per i medicinali (European Medicines Agency - EMA).

Dal 1 giugno 2021 volando con Etihad Airways ed Emirates Airlines su specifici aeroporti non e’ prevista quarantena all’arrivo in Italia. Per tali voli cosiddetti “COVID tested flights” e’ richiesto un test PCR con al massimo 48 ore di validita’ prima della partenza da Abu Dhabi o Dubai (sono esenti i bambini al di sotto dei 6 anni).
All’arrivo in Italia verra’ effettuato un tampone rapido antigenico (non sono soggetti a tampone rapido antigenico i possessori di certificazione verde COVID-19 rilasciata, al termine del prescritto ciclo, a seguito di avvenuta vaccinazione anti-SARS-CoV-2, ovvero di una certificazione rilasciata dalle autorita' sanitarie competenti a seguito di una vaccinazione validata dall'Agenzia europea per i medicinali (European Medicines Agency - EMA).

A partire dal 24 maggio 2021, chiunque faccia ingresso in Italia per una qualsiasi durata di tempo, è tenuto obbligatoriamente a compilare il digital Passenger Locator Form  (dPLF). Clicca qui per le istruzioni per la compilazione. 

I voli diretti dagli Emirati Arabi Uniti tramite le compagnie aeree Etihad Airways e Emirates verso gli aeroporti di Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Venezia, Napoli e Bologna, sono considerati voli covid-tested flight e richiedono per l’imbarco un test PCR negativo effettuato non oltre le 48 ore prima della partenza (per dettagli vedi paragrafo sotto).
Per la partenza dagli EAU verso l’Italia con scalo in altri Paesi è necessario presentare l’esito negativo al tampone PCR effettuato non oltre 72 ore prima dell'ingresso in Italia.
Si raccomanda di consultare previamente la compagnia aerea e verificare anche le disposizioni in vigore nei Paesi di transito.

 

Certificazione verde COVID19 - ITALIA (EU Digital Covid Certificate)

Dal 6 agosto 2021 diventa operativa in Italia la certificazione verde COVID19 (EU Digital Covid Certificate).
È una certificazione digitale e stampabile (cartacea), che contiene un codice a barre bidimensionale (QR Code) e un sigillo elettronico qualificato. In Italia viene emessa soltanto attraverso la piattaforma nazionale del Ministero della Salute. I cittadini italiani residenti all’estero e i loro familiari conviventi, che sono stati vaccinati all’estero contro il SARS-CoV-2 o che sono guariti all’estero da COVID-19, potranno richiedere, se si trovano già sul territorio italiano, il rilascio delle certificazioni verdi COVID-19 per vaccinazione o per guarigione, emesse dalla Piattaforma nazionale-DGC sulla base dei criteri di emissione stabiliti dalla norma di legge, recandosi presso le Aziende Sanitarie locali di competenza territoriale, secondo modalità stabilite dalle Regioni e Province Autonome.
Clicca qui per tutte le informazioni.

 

Per ulteriori approfondimenti:


381